Home » Animali Domestici » Come curare l’acne felina

Come curare l’acne felina

Contenuto dell'articolo

L’acne felina è un problema molto diffuso nei gatti. Si tratta di un’alterazione della pelle che può essere provocata da una cattiva abitudine alimentare, disfunzioni ormoniche, stitichezza e indebolimento della resistenza cutanea.

Tale malattia generalmente si manifesta intorno alle labbra dei gatti e sul mento. Non si tratta di una patologia invalidante e quindi non causa gravi problemi di salute al proprio micio.

Ecco quali sono i sintomi che si manifestano

Generalmente il primo sintomo che compare è l’insorgenza di punti neri o comedoni sul mento. Se il problema viene sottovalutato è molto facile che sopraggiungano delle infezioni batteriche. In questo caso i pori bloccati dalla cheratina vengono a loro volta colonizzati dai batteri provocando così la foruncolosi con follicolite.

A questo punto il mento del proprio amico a quatro zampe appare gonfio e tumefatto. Solitamente il gatto non accusa nessun genere di fastidio o dolore. Soltanto nei casi più gravi(come quello appena menzionato) potrebbe esserne infastidito.

Una volta accertata l’acne felina, occorre prendere in atto alcuni piccoli accorgimenti in maniera tale da risolvere il problema.

Ecco gli accorgimenti da prendere in considerazione

La prima cura da effettuare è quella di lavare delicatamente la zona  colpita da acne con acqua tiepida e sapone neutro in modo da dilatare i pori. Risciacquare delicatamente e aggiungere qualche goccia di lavanda o di tea tree.

Entrambi questi olii sono molto efficaci grazie alle proprietà benefiche che possiedono. Inoltre, sia l’olio essenziale di lavanda che l’olio tea tree sono molto indicati per il trattamento di epidermidi con problemi di infiammazioni o di eccesso di sebo.

Un altro rimedio naturale potrebbe essere il seguente: dieci gocce di tintura madre di calendula in 20 millilitri di acqua. La procedura è molto semplice: basta bagnare una piccola garza con questa soluzione appena illustrata e tamponare delicatamente la parte colpita.

E’ molto importante ricordare a tutti i proprietari di gatti che il pelo va asciugato accuratamente in modo tale da non lasciare tracce di umidità, poichè questa piccola disattenzione potrebbe favorire il proliferarsi dell’infezione.

Inoltre la pelle va mantenuta secca, al riguardo è consigliabile applicare amido di riso per i gatti a pelo chiaro, mentre polvere d’argilla per coloro che hanno il mantello scuro.

In caso di gatti con pelo lungo conviene tosare la parte colpita poichè, quando si andranno ad applicare dei prodotti topici, gli animali non si imbrattino impedendo in questo modo di far respirare per bene la pelle.

Nell’ipotesi di sovrainfezione batterica, sarà proprio il veterinario di fiducia che deciderà se applicare delle pomate antibiotiche locali.

Se è stata accertata l’acne felina è necessario eliminare le ciotole in plastica in cui mangia e beve il micio. Questo perchè, molto spesso il problema può insorge a causa di un’allergia provocata proprio dalla plastica utilizzata. In questo caso è meglio sostituirle con ciotole in ceramica o in vetro.

Naturalmente è molto importante non aspettarsi che da un giorno all’altro avvenga il miracolo. Ma a volte ci possono volere intere settimane se non addirittura mesi prima che l’acne felina sparisca completamente.

A presto!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *