Home » Veterinario » Come curare la mastite nei cani

Come curare la mastite nei cani

Contenuto dell'articolo

Un disturbo molto comune nei cani in gravidanza e che allattano è la mastite.

La mastite provoca l’infezione del seno, e in seguito gonfiore e infiammazione. Tuttavia gran parte dei veterinari raccomandano gli antibiotici o altri farmaci di sintesi per il trattamento di questo problema, anche se i rimedi naturali possono essere altrettanto efficaci.

Ma prima di ricorrere ai rimedi naturali è opportuno consultare il proprio veterinario di fiducia, il quale saprà indicare la giusta terapia da prendere in considerazione.

Ma quali sono le vere cause che provocano la mastite?

Sicuramente la causa più comune è un’infezione batterica spesso provocata dalla suzione del cucciolo in allattamento. In pratica, la mastite è dovuta ad un ristagno di latte per l’eccessiva produzione oppure per lo scarso numero di cuccioli che non riescono a farlo uscire in quantità dovuta.

Ma per poter diagnosticare la mastite basta palpare le mammelle della cagna  e se al tatto non si ricontrano duroni e il latte che fuorisce dalle mammelle è di colore chiaro e non c’è la presenza di sangue, allora in questo caso vuol dire che sta procedendo tutto per il meglio.

Se invece si riscontrano i problemi appena menzionati, allora è necessario allontanare i cuccioli poichè rischiano di intossicarsi. Inoltre è fondamentale intervenire immediatamente in maniera tale da impedire all’infezione di propagandarsi al resto dell’organismo.

Quando la cagnolina è affetta da mastite oltre ai duroni che si presentano alle mammelle, si verificano anche altri sintomi quali: febbre, spossatezza, vomito e in alcuni casi anche diarrea.

Quindi sotto lo stretto controllo del veterinario si prenderanno le giuste precauzioni affinchè il disturbo non degeneri in forme tumorali dove in alcuni casi è previsto l’intervento chirurgico.

Una volta che il proprio veterinario di fiducia avrà valutato lo stato di salute, sarà in grado di prescrivere la giusta terapia al fine di scongiurare eventauli ripercussioni.

Generalmente la terapia che viene effettuata è a base di antibiotici ad ampio spettro. Oltre all’antibiotico solitamente viene somministrato anche un antinfiammatorio, fondamentale per ridurre l’infiammazione in cui versa la mammella della cagnolina.

Come rimedi naturali invece sono utili gli impacchi di acqua calda ai capezzoli  e una buona alimentazione aiuterà a fare il resto.

Ecco come prevenire una mastite

Ci sono alcuni accorgimenti che se presi in considerazione fin da subito potrebbero aiutare la povera cagnolina ad essere più preparata in caso di insorgenza di questo problema:

  • la prima cosa da fare è farle seguire un’alimentazione sana ed equilibrata caratterizzata da tutte quelle sostanze di cui necessita per l’allattamento. Per chi non lo sa, l’alimentazione è la vera base per il benessere del proprio amico a quattro zampe
  • è necessario curare spesso la sua igiene
  • per quanto riguarda invece l’ambiente in cui vive e allatta deve essere sempre ben pulito, poichè molto spesso l’insorgenza di batteri può dipendere in principal modo da un ambiente poco pulito
  • il letto del cane dovrà essere cambiato spesso

Come si può denotare, è importante trattare l’infezione subito in modo da evitare ulteriori complicanze alla povera cagnolina.

A presto!

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *