Come scegliere la corretta qualità del fieno per i roditori ed i lagomorfi

Contenuto dell'articolo

I nostri animali da compagnia hanno tutto il diritto di avere del cibo di qualità, specialmente se da esso possono dipendere le sorti della loro salute. Vediamo come è possibile scegliere l’alimentazione più adatta a base di fieno, e quali sono le proprietà del medesimo per i roditori ed i lagomorfi.

Cosa sono i lagomorfi

Dobbiamo da subito spiegare per chi non conoscesse il termine Lagomorfi, a cosa ci riferiamo; sono tutti quegli animali simili a roditori ma con alcune caratteristiche principali: hanno forti denti per tagliare e triturare il cibo di cui si nutrono, hanno grandi occhi lateralmente al capo ed orecchie mobili indipendentemente l’una dall’altra. Tra i lagomorfi troviamo quindi: il coniglio, la lepre, il pica, ed il silvilago.

 Le virtù del fieno

1) Nel tratto finale dell’intestino di questi animali sono presenti dei batteri simbionti che degradano la cellulosa e permettono all’animale di assimilarla tramite la reingestione delle prime feci espulse. È importantissimo quindi conoscere la composizione del fieno ed eventuali rischi di salute a cui l’animale può andare incontro.

Schema della digestione del fieno
Schema della digestione del fieno

2)I roditori e i lagomorfi sono erbivori obbligati e quindi nella loro dieta il fieno è obbligatoriamente contemplato in quanto non sono previste altre fonti di sostentamento più elaborate per esempio di origine animale; il fieno non è sempre al centro della dieta di questi animali, infatti possiamo utilizzare come esempio il criceto che ha come alimentazione un mix di semi, ma può utilizzare il fieno come passatempo da rosicchiare.

3)Fondamentale se non essenziale è dare un prodotto al nostro animale che sia di buona qualità in modo da garantirgli il giusto apporto di fibre non solo in quantità ma anche in qualità; le fibre sono necessarie per mantenere una buona motilità intestinale nell’animale ed il fieno e favorisce lo sviluppo nell’intestino dei batteri benevoli ostacolando invece la crescita di quelli dannosi stimolati da troppi carboidrati e responsabili di gravi disturbi intestinali.

piramideconigli

4) È testato che il fieno in un certo qual modo possa prevenire i blocchi intestinali che occorono spesso quando si danno all’animale alimenti coriacei tra cui: semi e cereali, controindicati nel coniglio.

5) Dato che i conigli ed i roditori masticano una grande quantità di cibo, usurando in modo continuo i denti, quest’ultimi sono a crescita continua e se somministriamo alimenti troppo teneri (come pomodori e insalatina), i denti non si consumano in modo corretto ed anzi crescono in modo deforme provocando gravi problemi come: malocclusioni e ascessi. Il fieno invece permette ai denti di lavorare a lungo e nel modo corretto.

6) Il coniglio non utilizza come cibo il fieno che ha per sbaglio sporcato e quindi esso può essere utilizzato come fondo per il suo alloggio magari comprando anche una tipologia più economica.

Criteri di scelta

Vediamo come scegliere in maniera corretta il fieno basandoci sulle nostre sensazioni:

  • Aprite bene gli occhi perché il fieno di qualità è verde, e non risulta essere lanoso o troppo esile; controllare quindi la presenza di muffe e di umidità, in tal caso deve essere assolutamente scartato.
  • Talvolta i commercianti utilizzano errate tecniche di conservazione ed un’esposizione prolungata in un ambiente umido può permettere alle muffe di crescere rigogliose; anche voi dopo l’acquisto dovete tenerlo lontano da fonti di umidità.
  • Spalancate bene anche le narici perché il fieno di qualità oltre ad essere verde non deve essere inodore, infatti deve avere un piacevole odore vero e proprio che per ovvi motivi non deve essere un malodore specialmente se affiancato a camomilla ed altre erbe vegetali.
  • La purezza del fieno è importantissima, infatti non deve contenere cereali ma eventualmente solo erba medica per i cuccioli perché è ricca di calcio; per gli adulti è sconsigliata in quanto troppo calcio potrebbe provocare la formazione di calcoli renali.
  • Al tatto deve essere morbido e senza steli rigidi che possono ferire gli occhi o la bocca dell’animale.

Scegliete sempre il meglio per i vostri animali e date le cure necessarie per affrontare una vita sana e dignitosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *