Home » Veterinario » Filaria nel cane: cause e terapia

Filaria nel cane: cause e terapia

Contenuto dell'articolo

La filaria è una patologia parassitaria che viene trasmessa ai nostri amati pets mediante la puntura di una zanzara.

E’ proprio la zanzara il veicolo di trasmissione, perchè trasferisce il virus da cane a cane. Secondo una recente indagine è stato appurato che è  la zanzara tigre la responsabile di questa malattia.

La filaria può essere di due tipi: la filaria Repens di tipo cutaneo e la filaria Immitis di tipo polmonare e cardiaco. Purtroppo questa brutta malattia se non viene curata in tempo può diventare molto pericolosa per il nostro amico a quattro zampe, quindi nel momento in cui si intravedono i primi sintomi che ora ti illustrerò non esitare a contattare il tuo veterinario di fiducia.

Detto questo ecco i sintomi che si possono avvertire

Sintomi

  • edema sottocutaneo
  • dermatiti pruriginose
  • noduli sottocutanei non dolenti ma che iniziano ad ingrossarsi gradualmente dopo la manipolazione
  • difficoltà a respirare
  • stanchezza
  • inappetenza
  • tosse persistente

Talvolta un cane affetto da filaria può avere problemi di deambulazione o nel movimento.

Non sempre questi sintomi appena illustrati si manifestano, la maggior parte delle volte queste manifestazioni parassitarie sono del tutto asintomatiche.

La filaria nel cane viene trasmessa soprattutto nelle stagioni più calde dell’anno. E’ proprio per questa ragione che le cause della filaria si manifestano durante la stagione primaverile ed estiva.

Il virus della filaria rischia di essere pericoloso non solo per il cane ormai malato, ma anche per gli altri cani che stanno in contatto con l’animale stesso, in quanto questa patologia è molto contagiosa.

Il parassita non è altro che un verme che può raggiungere una lunghezza pari a 30 cm nel corpo dell’animale.

Come capire se il cane è affetto da filaria?

Purtroppo l’unico modo per capire se il proprio amico a quattro zampe è affetto da filaria è quello di sottoporlo alle analisi del sangue, soprattutto dopo aver visionato i suoi sintomi (sempre se si riscontrano, perchè come è stato illustrato precedentemente non sempre la patologia manifesta dei chiari segni).

Ma vista la particolarità della malattia, è fondamentale ripetere gli esami ogni anno, anche perchè la filariosi può manifestarsi anche a distanza di mesi rispetto al momento del contagio.

Terapia idonea

Fortunatamente la filaria se scoperta in tempo può essere sconfitta grazie ad una tempestiva terapia, affidandosi naturalmente al proprio veterinario di fiducia.

La terapia è molto lunga ed è specifica per l’animale in base all’età, alla razza e alle sue dimensioni.

Generalmente la terapia si basa sulla somministrazione di cortisonici e antibiotici per placare i sintomi. A volte è possibile aspirare la larva tramite degli aghi appositi.

E’ molto importante intraprendere la giusta cura il prima possibile, perchè se il problema viene sottovalutato, purtroppo ci sarà ben poco da fare.

Tuttavia la profilassi preventiva è la soluzione migliore per impedire il contagio e la diffusione, ed è caratterizzata da punture annuali o in alternativa esistono delle fialette da versare direttamente sul pelo dell’animale.

Ricorda: prevenire è meglio che curare!

Con questa guida spero di esserti stata veramente di aiuto..

Alla prossima!

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *