Come gestire la muta del gatto

Contenuto dell'articolo

Il gatto è un animale da compagnia molto apprezzato. E’ dolce, affettuoso e tanto gioioso, ama giocare e saltare per tutta la casa. Ma come per ogni animale, anche il felino ha bisogno di molte cure e attenzioni affinchè viva nel modo più decoroso gli anni a seguire.

Avere un gatto in casa porta sicuramente tante soddisfazioni, ma possono insorgere tuttavia una serie di inconvenienti che se trascurati possono portare dei seri rischi non solo per l’animale stesso ma anche per tutti i componenti della famiglia.

Quello di cui sto parlando è la perdita di pelo del gatto. Infatti poco prima dell’inverno e alla fine della stagione primaverile i nostri amati felini perdono moltissimo pelo. In realtà lo perdono sempre, però in questo periodo particolare dell’anno, il fenomeno tende ad accentuarsi ancora di più.

Non bisogna preoccuparsi al riguardo più del dovuto, perchè è un sistema prettamente naturale che il corpo dell’animale mette in pratica per adattarsi alle nuove temperature climatiche. Naturalmente se noti che perde tantissimo pelo e la caduta dovesse raggiungere entità considerevoli in questo caso ti consiglio di contattare immediatamente il tuo veterinario di fiducia perchè potrebbe esserci in corso qualche problema di salute.

Sicuramente il problema maggiore che deriva dalla caduta del pelo riguarda la salute dell’animale domestico, che leccandosi rischia di accumularne in matasse che ingerirà o rigurgiterà. Per non parlare poi della pulizia della casa, in quanto il pelo del gatto è così leggero e volatile da depositarsi ovunque ed eliminarlo non è per niente facile.

Ma ecco qui di seguito alcuni piccoli accorgimenti che potrai prendere in considerazione.

Alcuni accorgimenti

Il primo utile accorgimento è quello di spazzolarlo quotidianamente. E’ molto importante la spazzolatura in quanto permette di eliminare il pelo morto in eccesso prima che venga ingoiato dal gatto. Ma nei periodi più critici come il cambio della muta, ti consiglio di spazzolarlo più volte nell’arco della giornata. Naturalmente questa piccola considerazione è rivolta soprattutto ai felini a pelo lungo i quali rischiano anche la formazione di nodi che potrebbero causare durante lo spazzolamente un po’ di dolore.

Per poter spazzolare il pelo del gatto può andare bene qualsiasi tipo di spazzola, in commercio c’è ne sono una mariade di modelli basta scegliere quella giusta per il micio. Per non impazzire cercando di eliminare  i peli dai vestiti e dalla tappezzerie ti consiglio di utilizzare le spazzole adesive. Sono molto pratiche e soprattutto efficaci.

Inoltre è bene porre particolare attenzione anche alla sua alimentazione: a tale riguardo ti consiglio di fargli assumere tante fibre, ottime quantità di acidi grassi omega3 ed omega6.

Per facilitare l’espulsione di eventuali matasse nel tratto digerente è fondamentale aggiugere nei suoi pasti quotidiani un cucchiaino di olio di oliva. Anche l’assunzione di erba gatta non va affatto sottovalutata.

Ci sono alcuni integratori che possono aiutare sensibilmente l’animale a combattere tale disagio. Naturalmente la quantità da somministrare la deciderà il veterinario.

Perdite di pelo e disturbi dermatologici

La consistente perdita di pelo che si verifica durante questo periodo paricolare dell’anno, può portare dietro anche diversi disturbi dermatologici quali, croste, irritazioni, prurito, arrossamenti. Proprio per tale motivo è di vitale importanza concedere al felino maggiore attenzione.

Come puoi constatare prenderti cura del tuo amico peloso non è difficile, basta seguire questi piccoli accorgimenti e il gioco è fatto..

A presto!

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *