Home » Animali Selvaggi » Errori da evitare nella cura del pitone

Errori da evitare nella cura del pitone

Contenuto dell'articolo

Sempre più persone decidono di prendere con sè un pitone. E’ da un po’ di tempo a questa parte che si sta assistendo ad una evoluzione vera e propria in fatto di specie animali “da compagnia”.

Generalmene il pitone è un animale docile e molto timido, diffuso in Asia, Africa e Oceania. Nonostante questo esemplare venga considerato molto rsistente è necessario apportargli le giuste cure per farlo vivere più a lungo possibile.

Ecco qui di seguito gli errori da evitare

La prima cosa che bisogna fare quando si decide di prendere con sè un pitone, è la scelta del terrario. Ne esistono di diversi prezzi, modelli e dimensioni.

Ma quando si acquista una teca, non bisogna mai commettere l’errore di comprarla in funzione alla dimensione dell’animale, soprattutto se è ancora cucciolo. Occorre prenderla di dimensioni maggiori.. calcolate che un pitone reale misura all’incirca 1,5 cm bisognerà prenderla in proprorzione alle sue misure da adulto e non da cucciolo.

Questa è la prima regola che bisogna tenere bene in mente. Inoltre se non volete che il vostro pitone vada in giro per casa, è fondamentale che chiudiate la teca con un coperchio. In questo modo si dovrà garantire all’animale la giusta ereazione applicando sulla parete dei fori.

Un altro errore da evitare è la scelta della pavimentazione su cui alloggerà l’animale in questione. Se acquistate ad esempio un substrato in cedro, rischiate di compromottere le sue vie respiratorie. Quindi è consigliabile acquistare un substrato apposito o in alternativa va bene anche la carta da giornale.

Temperatura teca

Per quanto riguarda la temperatura della teca, il pitone è un animale a sangue freddo per cui è necessario mantenere la temperatura notturna a 23° e la temperatura diurna a 30°. Ma tutto questo può essere regolato grazie ad un termostato.

L’alimentazione è un altro fattore che non va affatto sottovalutato. Un errore che si può facilmente commettere è quello di nutrire l’animale con roditori ancora vivi. Se il pitone non ha fame le prede potrebbero arrecargli delle ferite a volte mortali, essendo abituati a uccidere i loro contendenti quando hanno solo fame.

In aggiunta è doveroso sottolienare che non bisogna indurlo a mangiare in quantità eccessiva, perchè oltre a rischiare l’obesità, potrebbe non riuscire a digerire le prede.

Un altro errore che bisogna assolutamente evitare è quello di procedere manualmente nel togliergli la muta. Potrebbe essere molto pericoloso fare questo da soli, al massimo se si hanno dei dubbi o se si vogliono avere maggiori chiarimenti è bene recarsi dal proprio veterinario di fiducia il quale vi darà tutte le informazioni possibili e necessarie.

Un ultimo accorgimento: il pitone può resistere anche un mese senza mangiare, ma state attenti a monitorarlo perchè  a volte il digiuno potrebbe essere segno di malessere.

Se volete acquistare un serpente ma ancora non lo avete fatto, prima documentatevi, il pitone non è un serpente per eccellenza per neofiti, come invece molti lasciano intendere. Occorre molta dimestichezza, destrezza e tanta attenzione.

Allevare un pitone a casa non è alla portata di tutti quindi prima di decidere di acquistarlo pensateci!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *